borghetto

Venedig – Verona oder Garda See: Radfahren entlang der Flüsse und Täler und Städte der Kunst

Von 720.00

Abfahrt jeden Montag von April bis Oktober

Die Tour startet in Venedig und führt über die beiden Inseln der Lagune: Lido di Venezia und das zauberhafte Pellestrina. Von Chioggia aus startet man dann zur Erkundung des Po-Deltas, wo der Besucher in traumhafte Naturlandschaften eintaucht, ehe er Comacchio, das pittoreske „Klein-Venedig“ erreicht, das berühmt für seine Valli ist, Brackwasserlagunen mit einzigartiger Flora und Fauna, unter anderem Italiens größter Kolonie von rosa Flamingos. Dann fährt man per Bus weiter nach Ferrara, in die Este-Stadt, die zum Unesco-Weltkulturerbe gehört. Auf dem Radweg „Destra Po“ geht es anschließend nach Mantua, ebenfalls Teil des Weltkulturerbes, und dann auf dem vielleicht schönsten Abschnitt des Radwegs „del sole“, der durch das charakteristische Dörfchen Borghetto sul Mincio bis an Verona führt.

  • Bewertungen 0 Bewertungen
    0/5
  • Typologie
    Selbstführung, Streckentour
  • Schwierigkeitsgrad Leicht
    1/4

Highlights und Tourinformationen

Streckentour – Die Tour beginnt an einem Punkt und kommt an einem anderen Punkt an. Jeden Abend wechseln Sie das Hotel

Individuelle Touren = eine Tour, die Sie alleine machen werden. Zu Beginn liefern wir Ihnen Karten, ein Navigationssystem mit GPX-Dateien und Roadbooks, damit Sie ein Erlebnis wie echte Entdecker erleben können.

Die Highlights der Radreise:
Auf dem Weg: Venezdig,  “bacari”, Pellestrina, Po Delta, Estense Schloß, The Palast, Borghetto sul Mincio, Arena von Verona

Gaumenfreuden:
Risi e bisi, Sarde in saor, cappellacci und tortelli di zucca, pearà, Risotto mit tasta sal, salama da sugo, ferrara’s bread, Comacchio Aal und unter den Desserts  pampapato, tenerina und sbrisolona.

  1. 1° giorno Lunedì: Arrivo Venezia Mestre

    Arrivo e sistemazione nelle camere riservate. Incontro con nostro incaricato e presentazione del programma. Pernottamento.

  2. 2° giorno Martedì: Venezia / Lido di Venezia / Pellestrina / Chioggia

    Prima colazione in hotel. Seguendo la nuova ciclabile si arriva a Venezia attraversando il Ponte della Libertà. Raggiunto il molo del Tronchetto imbarco per il Lido di Venezia, chiamata anche Isola d’Oro dai veneziani e dai suoi abitanti. Dopo la nascita del primo stabilimento balneare, l’isola divenne la località di vacanza di nobili e regnanti di tutta l’Europa, attori e attrici, grandi magnati dell’industria e della finanza mondiale, alimentando un mito che ancora oggi le conferisce un’atmosfera unica. Un passato affascinante che ha lasciato in eredità all’isola una vocazione per un turismo dal carattere riservato ed elegante e che si manifesta attraverso bellissime ville e villini liberty. Il Lido riserva anche altre sorprese come l’antico monastero di San Nicolò, cuore storico e monumentale dell’isola e il borgo di Malomocco, una piccola Venezia con calli, campielli, e case addossate le une alle altre. Non manca lo stupore dei paesaggi tra i quali l’oasi protetta del Wwf delle dune degli Alberoni – con la sua ricchezza di specie animali e vegetali – e naturalmente la Laguna con i suoi suggestivi scenari. Proseguimento quindi per Pellestrina con traghetto.Pellestrina è un’isola della Laguna Veneta e rappresenta il più meridionale dei tre stretti litorali che dividono la laguna dal mare Adriatico.Tredici chilometri di lunghezza, con calli e campielli, rivalità di quartieri e passione per le regate, l’isola di Pellestrina è una versione in miniatura della Venezia verace e popolare. E’ un piccolo mondo dove si vive ancora all’antica, tra ritmi lenti e l’eterno rito delle “ciacole”. Quando si approda il colpo d’occhio è straordinario. Due file di case e di sandali a formare una cerniera tra terra e acqua, punteggiata dai casoni di pesca. Con le variopinte facciate delle abitazioni, alte non più di due o tre piani e tutte rivolte verso la laguna, l’effetto Lego è garantito e fa apparire Pellestrina un’isola-giocatolo.Qui tutto rimanda alla Venezia più popolare. Dai sestieri al rito eterno dello spritz, l’aperitivo locale, vino bianco spruzzato di Campari o Aperol. Dal labirinto di calli, sotoporteghi e campielli al ciacolar dei pescatori che fanno comunella al Bar Perla. Fino alla passione per le regate storiche e al mito dei grandi campioni e maestri di remo. Oltre ad essere un’isola di pescatori Pellestrina è famosa per la lavorazione del merletto documentata fin dalla metà del XV secolo. Le donne, ancora oggi, ricamano i loro pizzi e viene voglia di sedersi accanto a una delle ultime merlettaie e farsi raccontare la tradizione di quest’arte secolare, tipica dello specchio lagunare. Tramandata di madre in figlia, questa antica arte continua a creare, attraverso le mani di esperte merlettaie, opere di straordinarie e raffinata bellezza. Arrivati alla estremità sud dell’isola imbarco sul vaporetto per Chioggia. Arrivo e proseguimento per l’hotel in zona Chioggia Sottomarina. tempo libero per rilassarsi in spiaggia o per vistare la ridente cittdina lagunare. Pernottamento in Hotel.

  3. 3° giorno Mercoledì: Chioggia / Delta del Po (km 60)

    Prima colazione in hotel. Partenza in bicicletta attraversando tutto il Delta del Po costeggiando canali e fiumi. Superato il ramo del Fiume Po di Venezia inizierete a pedalare lungo argini, golene , valli, specchi d’acqua chiusi dove la salinità è regolata dall’umo, con numerose specie di uccelli: germani reali, aironi, fischioni Si proseguirà su una ciclabile immersa nelle valli del Delta con scenari mozzafiato. Pernottamento all’interno dell Parco del delta del Po. Arrivo in agriturismo o hotel o B&B. Cena e pernottamento.

  4. 4° giorno Giovedì: Delta del Po / Comacchio (km 60)

    Prima colazione in hotel. Oggi il giro vi porterà verso la cittadina di Comacchio denominata “la piccola Vennezia” Dirigendovi verso sud ai vostri occhi si aprirà un favoloso panorama costituito da uno specchio d’acqua salato, caratterizzato dalla presenza di capanni in legno di pescatori, posati su palificazioni e collegati con passerelle chiamati “bilancioni” Ponti di barche vi permetteranno di superare i rami del fiume Po fino ad arrivare a Goro porto di pescatori reso famoso dalla pesca alle vongole.Costeggiando il mare Adriatico entrerete nel Bosco della Mesola (dove con un po’ di fortuna possiamo potrete ammirare vedere cervi e daini). Quindi pedalando tra spiagge e pinete attiverete ai Lidi Comacchiesi. Da Porto Gribaldi ultie pedalate fino a Comacchio. Tempo libero per visitare la “piccola Venezia” con i suoi ponti, i canali, l’Antica Pescheria, la Loggia del Mercanti, il Loggiato dei Cappuccini sino a raggiungere la Manifattura Marinati dove immergersi nella cultura di un passato sempre attuale e scoprire la storia della Reginale delle Valli, l’anguilla. Pernottamento in in agriturismo o B&B.

  5. 5° giorno Venerdì: Comacchio / Ferrara (trasferimento in pullman)

    Prima colazione in hotel. In mattinata trasferimento in pullman di linea (biglietto incluso) per Ferrara. Al vostro arrivo troverete le vostre biciclette direttamente in hotel.. Giornata dedicata alla visita della città di Ferrara.Famosa come capitale del Ducato Estense fino al 1598, anno della Devoluzione allo Stato della Chiesa, ha conservato tuttora la tranquillità e genuinità delle città italiane, mantenendo però le testimonianze degli antichi fasti.
    Il Castello Estense domina con le sue forme la città, attorno alla splendida Cattedrale troviamo ancora le vie della zona medioevale, con i suoi vicoli e le sue piccole chiese in stile gotico, l’antico Ghetto Ebraico e le Sinagoghe.
    La zona rinascimentale si snoda lungo Corso Ercole I d’Este, arteria dell’Addizione Erculea voluta appunto da Ercole I e progettata dall’architetto ducale Biagio Rossetti. Il Palazzo dei Diamanti, con le sue 8500 bugne in marmo bianco è l’edificio più famoso, ora sede della Pinacoteca Nazionale e d’importanti mostre.  Pernottamento in hotel o B&B.

  6. 6° giorno Sabato: Ferrara / Bondeno / Carbonara di Po Ostiglia (km 50)

    Prima colazione. mattinata dedicata al completamento della visita della città. Oggi pedalerete lungo la ciclabile “burana” per poi la “destra Po” che costeggia il fiume Po. Una sosta alla Rocca di Stellata La sua posizione strategica sul Po le permetteva di controllare la navigazione assieme alla Rocca di Ficarolo, posta sulla riva di fronte, alla quale era unita da una catena che impediva o permetteva il passaggio delle navi. Arrivo nel pomeriggio a Carbonara o Ostiglia (ulteriori 10 km). Pernottamento in hotel.

  7. 7° giorno Domenica: Carbonara di Po (Ostiglia) / Mantova (km 60)

    Prima colazione. Partenza per Mantova. Si consiglia una sosta a Revere per visitare il il prestigioso Palazzo Ducale. Antica fortezza, fu trasformato in elegante dimora ducale dal marchese di Mantova Ludovico II Gonzaga che ne affidò il progetto al Luca Fancelli. Dal 1983 museo comunale.Prosegiumento quindi costeggiando prima il Po poi il fiume Mincio che vi porterà all’ingresso della città di Mantova. Sistemazione in Hotel o B&B. tempo libero per visitare la città lombarda.

  8. 8° giorno Lunedì: Mantova / Verona (km 45)

    Prima colazione. Oggi percorrerete la pista ciclabile Mantova – Peschiera che corre prevalentemente all’interno del Parco Regionale del Mincio.  Si consiglia una sosta a Marengo, teatro della battaglia del 1.800 tra truppe napoleoniche  e le truppe della Seconda Coalizione. Sistemazione in hotel. Si consiglia una vista libera alla città al confine circondata dai tre laghi. Città dal gusto architettonico neoclassico, dove non mancano tuttavia testimonianze medievali e rinascimentali. Per quasi 400 anni è stata capitale dello stato dei Gonzaga. Da non perdere una visita al Castello di San Giorgio, il Palazzo Ducale di Mantova che ospitò la residenza dei Gonzaga, signori della città, dal 1328 al 1707, e il Palazzo Te costruito tra il 1525 il 1535 da Giulio Romano per volere di Federico II Gonzaga.Palazzo destinato al divertimento della famiglia Gonzaga ora destinato a mostre d’arte e cultura anche modern. Prima di arrivare a Verona  attraverserete  i caratteristici  borghi di Valeggio e Borghetto sul Mincio col caratteristico Ponte Visconteo sull’omonimo fiume. Arrivo a Verona e termine del tour

    Su richiesta è possibile aggiungere notti all’inizio a Venezia oppure al termine del tour a Verona.

Zeitraum Paket Preis pro Person in einem Einzelzimmer Preis pro Person in einem Doppelzimmer
1 April 2021 -
31 Oktober 2021
N/A
880.00
720.00
1 April 2021 -
31 Oktober 2021
N/A
925.00
840.00

Zuschlag pro Person:

  • Reduktion des dritten Erwachsenenbettes auf Anfrage
  • Familien Paket auf Anfrage
  • Fahrradverleih 80 €
  • Helmverleih 15 €
Was ist in der Tour enthalten?

Im Preis inbegriffen:

  • 7 Übernachtung in Ferrara im Hotel, Übernachtung mit Frühstück
  • 1 Abendessen Getränke inklusive in Po Delta
  • Gepäcktransport
  • Rückfahrt Pomposa/Ferrara mit privatem Fahrzeug
  • Unfall- und Gepäckversicherung
Was ist in der Tour nicht enthalten?

Im Preis nicht inbegriffen:

  • Fahrräder
  • Kur Taxe
  • Alle weiteren Speisen
  • Eintritt in die Abtei Pomposa am Sonntag
  • Persönliche Extras und alles Weitere, was nicht unter „Im Preis inbegriffen“ aufgeführt ist